Le mie scelte - Risorse Avventiste

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le mie scelte

Articoli > Racc_rifl

È presto, è quiete!
Il cielo è ancora scuro, il mondo è ancora addormentato.
Fra qualche istante spunterà il giorno.
Dietro sulla strada, si intravede il sorgere del sole.
La calma dell’alba sarà scambiata per il rumore del giorno.
La calma della solitudine sarà rimpiazzata da martellio della corsa umana.
Il rifugio della mattina sarà invasa da decisioni, termini, incontri.
Per le prossime dodici ore sarò esposto alla domanda del giorno.
È ora che devo fare una scelta, a causa del Calvario.
Sono libero di scegliere.
E alloro scelgo…
Scelgo l’amore. Nulla giustifica l’odio.
Nessuna ingiustizia garantisce amarezza, scelgo amore.
Oggi amerò Dio e tutto ciò che Lui ama.
Ho scelto la gioia, e invito il Signore ad essere mio Dio delle circostanze.
Rifiuterò di essere cinico, perché è lo strumento del pensatore pigro.
Rifiuterò guardare la gente come qualcosa da meno che esseri umani, perché sono creati da Dio.
Rifiuterò vedere i problemi come qualcosa che da meno, perché sono le opportunità per conoscere Dio.
Scelgo la pace, e vivrò perdonando.
Perdonerò per poter vivere.
Scelgo pazienza – nel vedere inconvenienze del mondo.
Invece di compiangersi per la lunga attesa, ringrazierò per un momento di preghiera.
Invece di respingere nuovi compiti, li affronterò con gioia e coraggio.
Scelgo la gentilezza verso il povero perché è solo.
Sarò gentile con il ricco, perché vive nella paura.
Gentile verso scortesi, perché il Signore m’ha trattato nello stesso modo.
Scelgo bontà…
Andrò verso il sentiero giusto per evitare quello disonesto.
Sarò vigilante prima di vantarsi.
Confesserò prima di accusare.
Scelgo bontà.
Scelgo fedeltà. Oggi manterrò le mie promesse.
I miei debitori non perderanno fiducia in me.
I miei soci non dubiteranno della mia parola.
I miei amici non dubiteranno del mio amore.
Scelgo gentilezza.
Nulla si vince con la forza.
Scelgo di essere gentile.
Se alzo la voce, solo per la preghiera.
Se stringo il mio pugno, solo in preghiera.
Scelgo autocontrollo – sono un essere spirituale.
Sarò appassionato solo della mia fede.
Sarò influenzato solo da Dio.
Sarò istruito solo da Cristo.
L’amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fedeltà e autocontrollo,
Tutto questo mi sottopongo oggi.
Se riuscirò, ringrazierò sempre,
se fallirò, cercherò la Sua grazia.
E allora quando il giorno terminerà,
metterò la testa sul mio cuscino e riposerò.
Le mie scelte ho eseguite.


Ester Palse/ Africa del Sud- traduzione JJBP

Torna ai contenuti | Torna al menu