Cos'è l'amicizia? - Risorse Avventiste

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cos'è l'amicizia?

Articoli > Racc_rifl

Per me amicizia significa amore, e tutto questo lo trovo nella Sacra Scrittura dal primo capitolo sino alla fine.
Dio mi dimostra la sua amicizia quando mi viene a cercare e io mi nascondo sapendo di aver sbagliato nei suoi confronti.
Ma Dio è buono, mi prende per mano e manda la cosa più preziosa che è suo Figlio per dimostrarmi che non mi ha dimenticato, ed anche suo Figlio mi dimostra la sua amicizia e il suo amore morendo per me... mi perdona, mi chiama vicino a sé e mi porta al Padre.
Su questa terra, Gesù è amico di ogni persona che si accosta a Lui.
Guardo quanto amore ha per noi, per i suoi discepoli, per Lazzaro, per Maddalena, si dimostra amico anche coi peccatori e li porta accanto a sé.
Anche noi dobbiamo dare una grande importanza all’amicizia, essere amica significa amare... e questo mi porta più vicino alla persona che mi sta accanto: per me prima di essere moglie sono amica del mio sposo, lo rispetto e desidero la sua amicizia per potermi confidare ed esprimere i miei sentimenti.
L’amicizia è un grande dono se lo sappiamo accogliere. E’ una grande gioia quando vedo l’amica sorridere, quando posso parlare con l’amica che mi sta accanto, confidarmi e dirgli le mie paure... le mie gioie, un amico è qualcosa in più che Dio mi ha donato, ma soprattutto non devo dimenticare l’amicizia e l’amore che Gesù ha verso di me, devo essere fiera di questa amicizia e gliel’ha posso dimostrare parlando di Lui agli amici che mi sono vicini avendo rispetto per le persone che mi circondano, condividere tutti i loro sentimenti, ascoltare e se posso aiutarli nei loro bisogni.
L’amicizia è un donare e un ricevere, e questo posso attuarlo solo nel rispetto di chi mi sta vicino.
Daniele era amico di Dio... e Dio gli fece conoscere tante verità
Abramo era amico di Dio...
Davide era amico di Dio ...
Mosè fu un grande amico di Dio...
Anch’io sono figlia e amica di Dio... devo concentrarmi su questo.
Come figlia gli devo ubbidienza, rispetto e amore.
Come amica mi confido e mi appoggio a Lui nelle difficoltà di ogni giorno.

L’amicizia con Dio si raggiunge attraverso le Sacre Scritture per l’azione diretta verso di noi con la guida dello Spirito Santo, la nostra mente è rivolta a Dio, si sviluppa in modo armonioso, questa amicizia ci aiuta a comprendere il nostro desiderio di Lui.
Se cerchiamo l’amicizia di Dio anche in momenti di grande scoraggiamento, Egli ci è vicino.
Proverbi 27:9 (L'olio e il profumo rallegrano il cuore; così fa la dolcezza di un amico con i suoi consigli cordiali.)
L’amicizia è come un profumo con i suoi consigli l’amico rallegra il cuore, è bello coltivare l’amicizia anche nelle pene, un’amicizia sincera vale più di un fratello.
Giovanni 11:11 (poi disse loro: «Il nostro amico Lazzaro si è addormentato; ma vado a svegliarlo»)
Gesù chiama Lazzaro suo amico e pianse per lui.
Giovanni 15:14-15
Gesù ci dice: “voi siete miei amici se fate le cose che io vi comando, io vi faccio conoscere tutte le cose che ho udito dal Padre mio e ancora non siete voi che avete scelto me ma sono Io che ho scelto voi”.
Coltivare un’amicizia sincera ti dà molte emozioni... io ho scelto di coltivare quell’amicizia con amore.
In 1 Samuele capitoli 18 e 19 ci mostra la grande amicizia tra Gionathan e Davide.
Gionathan amò Davide come l’anima sua e non permise a Saul suo padre di fare del male a Davide.
Anche noi dobbiamo difendere l’amico quando qualcuno vuol fargli del male.
Gionathan strinse una grande amicizia con Davide e lo difese contro tutti, morì per questa amicizia e Davide pianse per la sua scomparsa perché lui era un grande amore.
Un mio grande segreto è guardare con fiducia al futuro e l’amicizia che ho con Gesù da quando l’ho accolto nel mio cuore, ha sopperito a tutte le mie paure.
La sua amicizia rende il tempo e il trascorrere dei giorni ancora più bello, e quando comunico con Lui ricerco la sua confidenza, la coltivo, prego nel silenzio.
Gesù è il mio amico, e il desiderio d’incontrarlo mi calma il cuore in questa mia speranza.
L’amicizia è un comandamento del vangelo.
Tutti vogliono essere accettati, compresi, apprezzati e amati.
Tanto tempo fa il Signore ordinò: “Amerai il prossimo tuo come te stesso” (Levitico 19:18) e questo fu ripetuto dal nostro Salvatore Gesù: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua” questo è il primo comandamento. Il secondo “Ama il tuo prossimo come te stesso”. Con questa legge fondamentale si costruisce la casa che porta alla vera amicizia, Gesù li mise in pratica nella Sua vita.
Nelle Sue parabole: Il buon samaritano – Il figliol prodigo – Il ricco e Lazzaro – ci illustrano i vari aspetti e l’interesse che dobbiamo provare per i nostri simili.
L’amicizia ci impone di riconoscere un grande valore in ogni persona.
Significa accettare l’unicità di una persona e con amicizia aiutarla a sviluppare i suoi talenti acquistando fiducia in se stessa.
L’amicizia può aiutarci a superare grandi ostacoli.
Fin dalla nascita abbiamo bisogno di amare ed essere amati e quando non riusciamo a soddisfare questa nostra necessità mostriamo del disagio, siamo ansiosi, ci isoliamo dal mondo che ci circonda.
Qualche anno fa ero impaurita, scoraggiata, ma ho incontrato persone che nella disperazione mi hanno aiutato e ho preso una decisione importante. Ho detto “Voglio cambiare vita! Sono pronta ad ascoltare qualcuno che si cura veramente di me”.
E’ cambiato tutto! Ho ottenuto un grande risultato. Ora non mi preoccupo più di me stessa, nel bisogno c’è sempre qualcuno accanto a me e ho trovato il mio Salvatore!
Quando Gesù era sulla terra distribuiva la sua amicizia e i suoi doni assumevano un atteggiamento, un‘attenzione personale per chi li riceveva, donando loro la sua pace ma anche amore comprensione e compassione.
L’amicizia richiede coraggio e un sincero dono di noi stessi!
La sincera amicizia comporta dei rischi, è necessario molto coraggio per permettere a qualcuno di conoscerti a fondo. Dobbiamo donare noi stessi lasciando da parte ogni dubbio in merito alle nostre necessità e capacità, ogni timore deve essere respinto, un vero amico deve essere disposto a confidare negli altri, a rischiare.
Una persona che è stata ferita può sentirsi adirata e sta sulla difensiva, ma la comprensione e la pazienza può vincere la rabbia e il dolore.
Un vero amico è pronto a notare le qualità del suo prossimo e incoraggia a riconoscere i progressi e il successo conseguito dall’amico.
La vera amicizia si sviluppa nella sincerità. L’amicizia la troviamo nella chiesa quando abbiamo bisogno di aiuto, nella casa di Dio la vera amicizia scaturisce nella carità.
Il puro amore di Gesù dà risalto alla carità.
La carità è un dono di Dio ed è più importante di qualsiasi altro dono.
L’apostolo Paolo descrive questa caratteristica in 1 Corinzi 13:1-13:

1 Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi amore, sarei un rame risonante o uno squillante cembalo. 2 Se avessi il dono di profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza e avessi tutta la fede in modo da spostare i monti, ma non avessi amore, non sarei nulla. 3 Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri, se dessi il mio corpo a essere arso, e non avessi amore, non mi gioverebbe a niente.
4 L'amore è paziente, è benevolo; l'amore non invidia; l'amore non si vanta, non si gonfia, 5 non si comporta in modo sconveniente, non cerca il proprio interesse, non s'inasprisce, non addebita il male, 6 non gode dell'ingiustizia, ma gioisce con la verità; 7 soffre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa.
8 L'amore non verrà mai meno. Le profezie verranno abolite; le lingue cesseranno; e la conoscenza verrà abolita; 9 poiché noi conosciamo in parte, e in parte profetizziamo; 10 ma quando la perfezione sarà venuta, quello che è solo in parte, sarà abolito. 11 Quando ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino; ma quando sono diventato uomo, ho smesso le cose da bambino. 12 Poiché ora vediamo come in uno specchio, in modo oscuro; ma allora vedremo faccia a faccia; ora conosco in parte; ma allora conoscerò pienamente, come anche sono stato perfettamente conosciuto.
13 Ora dunque queste tre cose durano: fede, speranza, amore; ma la più grande di esse è l'amore.



Maria Assunta Canonico Astuti


© 2017 Risorse Avventiste
Torna ai contenuti | Torna al menu